Venezia 74 Schede Cinema Filmcronache

CANDELARIA (Jhonny Hendrix Hinestroza)

CANDELARIA

L’Avana, anni ’90. Candelaria e Victor Hugo, una coppia di anziani senza figli, appartengono alla classe sociale più umile, che soffre pesantemente per la crisi economico-sociale in cui versa il Paese. Per riuscire a sopravvivere, Victor Hugo commercia illegalmente sigari cubani; Candelaria invece è addetta alle pulizie in un hotel e la sera si esibisce come cantante in un locale.

Sono essenzialmente le privazioni derivanti dall’embargo contro Cuba a scandire le loro giornate: quando viene interrotta l’energia elettrica nelle case e si rimane al buio, alla coppia non resta che giocare a carte a lume di candela.

La loro abitudinarietà viene interrotta quando un giorno Candelaria ritrova in albergo la telecamera di un turista e, senza pensarci troppo, la porta a casa. Venderla al mercato nero potrebbe permettere un periodo di tranquillità economica, ma il marito inizia a giocarci e a girare alcune riprese tra le mura domestiche: registra la moglie in momenti di intimità (inizialmente di nascosto, poi con la complicità di lei) scoprendo – grazie a quest’oggetto – di poter guardare con occhi nuovi la compagna di una vita.

A poco a poco torna inspiegabilmente spontaneo il desiderio di scambiarsi un bacio in una panchina, aspettare la moglie fuori dal locale in cui lavora, o scegliere di vendere un orologio di valore per concedersi una cena speciale, dal momento che appare poco conveniente conservare le cose nel tramonto della vita.

Potendosi avvalere della complicità e dell’eccezionale interpretazione dei due protagonisti, la pellicola di Jhonny Hendrix Hinestroza racconta con grazia e realismo un amore adulto capace di vivere con gioia la precarietà dell’esistenza e di accettare con animo sereno persino il pensiero della morte.

Calore e passione percorrono l’intero film anche grazie alle colonna sonora, spesso coincidente con le canzoni cubane interpretate dalla stessa Candelaria (accompagnata dal marito in un momento di particolare intensità).

Con ironia e romanticismo, Candelaria commuove lo spettatore che sul finale rimane sorpreso e avvolto da una dimensione quasi poetica, che non dimentica la concretezza del quotidiano.

Un film riuscito, che ci auguriamo di poter gustare prossimamente anche nelle sale italiane.

 

 

Scrivi un commento...

Sull'autore

Marta Meneguzzo

Lascia un commento