News Festival Cinema Vita associativa

CINEMA: FICE, ANAC E ACEC “INOPPORTUNO PRESENTARE A VENEZIA FILM CHE NON USCIRANNO MAI IN SALA”
Comunicato stampa congiunto

“La decisione presa dalla Mostra del Cinema di Venezia di presentare in concorso ben 3 film che rischiano di non uscire in sala è controversa e inopportuna”. Lo dichiarano in una nota le Presidenze della FICE – Federazione Italiana Cinema d’Essai, dell’ANAC – Associazione Nazionale Autori Cinematografici, e dell’ACEC – Associazione Cattolica Esercenti Cinema. “Di fatto – proseguono – uno dei due festival cinematografici più prestigiosi al mondo, in assoluta controtendenza con quanto deciso per la Palma dal Direttore del festival di Cannes, potrebbe assegnare il
Leone D’Oro o la Coppa Volpi ad opere che non saranno mai visibili sul grande schermo. Fice, Anac e Acec, sono convinte che alla base stessa della Mostra ci sia ancora l’idea di fruizione in sala delle opere presentate in concorso, il che non solo in omaggio all’arte cinematografica che trova la sua migliore riproduzione sul grande schermo e in un contesto di condivisione collettiva, ma anche nel rispetto della libertà dello spettatore che per vedere uno o più film premiati avrebbe altrimenti come unica scelta la sottoscrizione dell’abbonamento alla piattaforma che ne abbia la visione esclusiva. Paradossalmente la Mostra diventerebbe promotore indiretto e inconsapevole di un unico diffusore”.

“L’intera filiera distributiva cinematografica – specifica Francesco Giraldo, segretario generale di ACEC – sta cambiando molto rapidamente senza che si fissino delle regole. La nostra posizione non è omologabile ad una guerra di religione. Siamo convinti che gli interessi in campo siano molti e conflittuali tra di loro. L’Acec  vuole rimettere al centro la sala cinematografica come presidio culturale e sottolinea l’importanza della visione comunitaria. La sala non è una semplice piattaforma distributiva, ma riveste un suo valore intrinseco che, inglobando la proiezione cinematografica, diventa essa stessa “contenuto” e non solo contenitore.”

“Pur rispettando la decisione presa”, concludono le tre associazioni “invitiamo il direttore Barbera ad una riflessione comune con gli esercenti e gli autori affinché tale decisione sia riconsiderata a partire dal prossimo anno. Riteniamo infatti che un’Istituzione nazionale di eccellenza come la Biennale Cinema, anche in considerazione del sostegno pubblico ex ART. 27 della legge n. 220 del 14 nov 2016, debba tenere conto dell’intera filiera del settore e in particolare non trascuri quanto l’esercizio italiano ha svolto e continua a svolgere per promuovere e valorizzare nelle sale proprio quel cinema di qualità che è l’essenza stessa della Mostra
di Venezia.”

Scarica qui il comunicato stampa ufficiale:

fice anac acec

Scrivi un commento...

Sull'autore

Redazione

Redazione