Venezia 74 Schede Cinema Filmcronache

DISAPPEARANCE (Ali Asgari)

Disappearance

I registi iraniani contemporanei vivono un destino comune, cercano di fare cinema, un ottimo cinema, rinchiusi in uno spazio stretto e difficile da vivere, tra la censura dello Stato e il richiamo culturale dell’Occidente. Nel mezzo stanno registi come Ali Asgari, abili nel costruire storie che possano essere lette con prospettive diverse: dal punto di vista della dittatura iraniana e della società conservatrice farsi come film morali che servano ad additare le vie sbagliate alle giovani generazioni; dall’altro punto di vista ci siamo noi, ci sono le nazioni democratiche che ammirano il coraggio dei registi iraniani nel denunciare la violazione dei diritti umani e dell’individuo.
Proprio del diritto fondamentale alla salute tratta questo film, il diritto delle donne ad essere trattate alla pari degli uomini, il diritto a poter essere curate senza la compresenza di padri o mariti a fare loro da garanti, il diritto ad avere affetti e una vita sessuale senza doverne rendere conto allo stato.

Disappearance racconta di una giovane coppia di Teheran che si trova di fronte a un grave problema di salute della ragazza, lei ha una forte emoraggia che sembra non fermarsi. I due giovani vanno di ospedale in ospedale, tra pubblico e privato, in cerca di aiuto, ma nessuno è disposto a ricoverare la giovane donna e a prestarle le cure mediche di cui ha immediatamente bisogno. Le regole dello Stato non le permettono di essere curata da sola, seppure in grave stato di salute. Mentre i due neo-fidanzati cercano di trovare una soluzione al problema, devono al contempo tenere nascosta la situazione ai propri genitori. La coppia si trova di fronte a un futuro incerto, traendo collaborazione e conforto solo dai coetanei e dagli amici. Il film mette in luce una generazione giovane e vogliosa di vivere, posta tra le tradizioni conservatrici che regolano la nazione e i desideri dell’epoca contemporanea, una generazione che affronta ogni giorno limiti di libertà, una generazione che costruirà l’Iran del domani.

 

Scrivi un commento...

Sull'autore

Simone Agnetti

Simone Agnetti

Simone E. Agnetti, Brescia 1979, è Laureato con una tesi sul Cinema di Famiglia all’Università Cattolica di Brescia, è animatore culturale e organizzatore di eventi, collabora con ANCCI e ACEC, promuove iniziative artistiche, storiche, culturali e cinematografiche.