Venezia 74 Schede Cinema Filmcronache

LE FIDÈLE (Michaël R. Roskam)

LE FIDELE

L’amore a prima vista e una passione travolgente unisce i destini di Gino (Matthias Schoenaerts) e Bibi (Adèle Exarchopoulos). Entrambi appassionati da brividi, corse e velocità, i due si incontrano durante una gara automobilistica di Bibi e si lasciano andare fin da subito a una storia turbolenta. Lei è figlia di un ricco imprenditore, lavora nell’azienda di famiglia e nel tempo libero si dedica alle corse; lui lavora nel settore automobilistico, nasconde un oscuro segreto e una radicata paura dei cani, che risale all’infanzia e al complicato e difficile rapporto con un padre assente e violento.

Intorno a loro ci sono un gruppo di amici a cui Gino si sente legato da amore fraterno e ai quali promette eterna fedeltà e la famiglia di lei, con un padre un fratello attenti e presenti. Dopo «Chi è senza colpa», il regista Michaël R. Roskam dirige un film che annaspa e fatica a stare in piedi. Diviso in tre capitoli, Le fidèle ha un avvio avvincente da thriller d’azione con una prima parte dedicata a Gigi, alla sua doppia vita, ai suoi affari oscuri e alle prime fasi della sua storia con Bibi. Chiuso questo primo capitolo, il film vira verso la love story drammatica, con Bibi che, supportata da una famiglia pronta a sostenerla in tutte le scelte, cerca di perdonare a Gigi i numerosi passi falsi e gli errori e di salvaguardare la loro storia. Si chiude con un terzo capitolo dal titolo “Pas des fleur (niente fiori)”, con un chiaro riferimento al primissimo scambio di battute intercorso tra i due, e si sfocia nel dramma più completo con un destino che sembra accanirsi sugli amanti per privarli di qualsiasi possibilità di felicità. Amici e famigliari scompaiono misteriosamente nel nulla e Bibi e Gigi sono soli a fare i conti con un’esistenza sempre più tragica.

Il film risulta eccessivo, mette insieme diverse chiavi di letture, accostando la personalità di Gigi e quella dei cani, animali che possono dimostrarsi dolci e fedeli e al tempo stesso molto aggressivi, o in netta contrapposizione con quei personaggi secondari ma strumentali alla narrazione che dietro l’apparenza di giacca e cravatta e di solide famiglie celano personalità meschine e miserabili.

La sceneggiatura fatica a dar forma a una vicenda troppo articolata e ignora i numerosi buchi di trama. Dopo una partenza a razzo, il film va fuori strada subito dopo la fine della prima parte. Le numerose scelte narrative finiscono per creare un film che non riesce a trovare una sua identità, si perde nei sottogeneri e risulta talmente esagerato da suscitare inevitabile incredulità.

 

 

 

 

 

 

 

LE FIDÈLE
film di Michaël R. Roskam
con Matthias Schoenaerts, Adèle Exarchopoulos
Belgio, Paesi Bassi, Francia, 2017
durata 120 min.

Scrivi un commento...

Sull'autore

Marianna Ninni

Lascia un commento