Sale della Comunità
[STAMPA]

Torino Film Festival 2004
Vento di Levante

22/a edizone per il Torino Film Festival, diretto per il secondo anno consecutivo da Roberto Turigliatto e Giulia D'Agnolo Vallan e in programma dal 12 al 20 novembre.
Ampio spazio quest'anno alle cinematografie asiatiche e dell'Estremo Oriente con una rilevante presenza di opere provenienti da Cina, Giappone, Corea, Hong Kong, ma anche Filippine, Malesia e India: sei film in concorso (su 14), le anteprime dei due nuovi film di Johnnie To, Breaking News e Yesterday Once More, e del remake hollywoodiano The Grudge, diretto da Takashi Shimizu e prodotto da Sam Raimi, di cui è attesa a Torino la protagonista Sarah Michelle Gellar. La Cina ritorna con una mini-rassegna anche nella sezione "Detour": "Quest'anno abbiamo voluto dare al festival una spinta verso una maggiore internazionalizzazione, con un occhio particolare a quella parte di mondo sempre più protagonista al cinema, ma senza rinunciare alla sua storica vocazione di luogo di ricerca e di scoperta" ha dichiarato Turigliatto.
Novità importante la riconquista del centro storico dopo l'esilio biennale al Lingotto: le proiezioni avverranno in otto sale tra Piazza Castello e Piazza Vittorio con "l'intento - prosegue Turigliatto - di coinvolgere maggiormente il pubblico dei non cinefili e dei non addetti ai lavori".
A inaugurare la manifestazione sarà Silver City di John Sayles, presente nella sezione "Americana" insieme ad opere (spesso televisive) che riflettono l'attuale clima politico internazionale: è il caso della serie K Street diretta da Steven Soderbergh e co-prodotta con George Clooney, di Tanner on Tunner di Robert Altman, del documentario sulla Statua della Libertà di Martin Scorsese, di Soldiers Pay di David O' Russell, basato sulle testimonianze dirette dei soldati in Iraq.
Al centro della manifestazione il concorso lungometraggi con due opere prime al femminile: L'iguana di Catherine McGilvray con Andrea Renzi e Notte senza fine di Elisabetta Sgarbi con Laura Morante e Toni Servillo.
Il made in Italy conquista interamente il Concorso Doc 2004, il Concorso Spazio Italia (riservato ai cortometraggi) e il Concorso Spazio Torino: spazio alle opere di Tonino De Bernardi (Marlene De Sousa) e Ciprì e Maresco (L'opè incatenato) nella sezione "Detour".
Tra gli eventi del festival l'anteprima mondiale del nuovo film di Alexsandr Sokurov Mozart. Requiem (fuori concorso), Before Sunset di Richard Linklater, Vanitas di Paulo Rocha, Sideways di Alexander Payne, Dias de campo di Raoul Ruiz, Une visite au Louvre di Jean-Marie Straub e Danielle Huillet e New Police Story di Benny Chan che chiuderà il festival con la presenza in sala di un'altra star asiatica, Jackie Chan.
Tre gli omaggi: a Richard Fleisher, a Rogerio Sgarzella (morto all'inizio del 2004 a soli 56 anni) e a Yervant Gianikian e Angela Ricci Lughi di cui sarà mostrato lo sconvolgente Oh, uomo!, che completa la trilogia sulla Prima Guerra Mondiale iniziata con Prigionieri della guerra e proseguita con Su tutte le vette è pace.
Due le retrospettive complete: a John Landis, regista di film cult come Animal House e Blues Brothers, e a Luciano Emmer, insignito del premio Cipputi alla carriera.

 
  • I premi

    [STAMPA]