Schede Cinema Cinema Filmcronache

RENEGADES – COMMANDO D’ASSALTO (Steven Quale)
L'oro nascosto

RENEGADES

Sarajevo 1995: durante la guerra in Bosnia un gruppo di Navy Seal è impiegato in prima linea per compiere azioni speciali, che talvolta sconfinano anche oltre gli ordini ricevuti. Quando però una ragazza del posto racconta a uno di loro, con cui intrattiene una relazione amorosa, di aver ritrovato sul fondo di un lago un’enorme quantità di lingotti d’oro, in Navy Seal decidono di portare avanti uno spericolato piano di recupero. Si tratta dell’immenso tesoro che l’esercito tedesco in fuga da Parigi nel luglio del 1944 avevo sottratto alla Francia.

 

Scritto e prodotto da Luc Besson e diretto dall’aiuto-regista di James Cameron per Titanic e Avatar, Renegades è un action movie dal buon ritmo e dotato di pregevoli sequenze, sebbene sia costruito con uno script elementare e infarcito di soluzioni formali discutibili. Se la vicenda si svolge mettendo in collegamento due temporalità diverse – quella del 1944 (in cui è ambientato il prologo e un’altra sequenza interna che serve a spiegare dove sia finito il tesoro) e quella del 1995 -, il modo con cui lo fa appare infatti meccanico e male amalgamato. I maggiori difetti della sceneggiatura sono comunque quelli di costruire un film dal doppio ritmo (a quello incessante delle scene action succedono infatti sequenze di una staticità fastidiosa per giustificare le azioni successive e far procedere il racconto), e di abbozzare personaggi poco credibili, disegnati con psicologie elementari e calati in un mondo manicheo che sembra tagliato con l’accetta.

A ciò si aggiunge anche la scelta di una colonna sonora musicale onnipresente e invasiva, pronta a raddoppiare ogni (possibile) emozione con interventi dalla grana grossa ove non ricorra a soluzioni quantomeno fantasiose (è il caso di un ritmo swing che sottolinea una rissa tra commilitoni ad esempio). Macroscopici difetti che vengono in parte mitigati dalle sequenze di pura action pronte a divenire estremamente spettacolari nella parte finale, quando tutta l’azione si sposta sott’acqua. Qui infatti Steven Quale sembra finalmente trovare il proprio habitat naturale e a mettere a frutto quanto appreso dai magnifici set nei quali ha fatto la gavetta.

 

RENEGADES
Regia Steven Quale
Con Sullivan Stapleton, Sylvia Hoeks, J.K. Simmons
Germania/Francia, 2017
Durata 105

Scrivi un commento...

Sull'autore

Francesco Crispino