Vita associativa

DEDICATA A CIPRIANI L’INAUGURAZIONE DI “INCONTRO ’80”
Il Cineclub romano ha ricordato il padre nobile dell'ACEC e la sua eredità

Una serata densa di emozioni. Venerdì 20 gennaio, dopo due anni di inattività forzata dovuta alla pandemia, il Cineclub Incontro ’80 ha ripreso il suo tradizionale cineforum nel “Cine-Teatro 33” della Parrocchia SS. Redentore a Val Melaina, Roma.

La serata inaugurale è stata dedicata alla figura di Luigi Cipriani, fondatore e anima del Cineclub nei suoi oltre 40 anni di attività: alla presenza della figlia Claudia, è stata celebrata, in un clima di commozione, la prestigiosa carriera di Luigi: gli anni al servizio dell’Associazione Cattolica Esercenti Cinema, fino alla nomina a Segretario Generale; il suo ruolo essenziale nella definizione del nuovo concetto di “sala della comunità” e nella costituzione dell’Associazione Nazionale Circoli Cinematografici Italiani (ANCCI); il prezioso contributo alla elaborazione della legge n. 153  del 1994, la prima riforma organica del settore cinema, attraverso una proficua collaborazione con un’altra figura storica dell’associazionismo culturale cinematografico, Riccardo Napolitano.

Luigi Cipriani ha lasciato un’eredità immensa: la sua straordinaria competenza giuridica, l’abilità nella gestione dei rapporti istituzionali – mirando sempre alla promozione della sala della comunità -, la capacità di visione strategica sono state linfa vitale per le nostre associazioni (ACEC-SdC, ANCCI e Federgat). Un patrimonio per cui dobbiamo essere sempre riconoscenti, impegnandoci ogni giorno per rendere le nostre sale e i nostri circoli veri “avamposti di cultura”, aperti al territorio e alle sue istanze.

Come Luigi ci ha insegnato.

Scrivi un commento...

Sull'autore

Massimiliano Eleonori

Lascia un commento