News Schede Cinema Cinema Approfondimenti

San Francesco e il suo sogno in prima nazionale nelle sale della comunità

Matedì 4 0ttobre è partito ufficialmente in anteprima nazionale in molte sale della comunità, in occasione della festività dell’omonimo patrono d’Italia, il film Il sogno di Francesco diretto a 4 mani da Arnaud Louvet eReanud Fely e tutto incentrato sul tentativo di difendere la particolarità francescana di una vita libera dall’attaccamento materiale. Un film che farà obbligatoriamente discutere visto il personaggio prescelto sebbene raccontato da un punto di vista anomalo come quello dell’amico fraterno della prima ora Elia da Cortona che guida il difficile dialogo tra la confraternita e il Papato.

I due registi mettono in scena il compromesso di ogni passaggio storico come quello che ha abitato obbligatoriamente anche il sogno di Francesco. Coscienza e povertà, in salsa francescana, che tornano sul grande schermo dopo le prove ormai lontane nel tempo di Zeffirelli e della Cavani ma ancora fortemente profetiche nella società ideale a cui rimanda ogni giorno Papa Francesco.

Nei prossimi giorni pubblicheremo qui dei contributi di lettura critica del film e un’intervista inedita al protagonista Elio Germano, tutti materiali a cura del team di Filmcronache, da mettere a disposizione del pubblico delle sale della comunità e dei suoi animatori culturali.

Qui è già possibile scaricare l’agile rilettura pastorale con alcuni spunti curata da don Gianluca Bernardini, direttore della rivista SdC:

il-sogno-di-francesco-rilettura-pastorale

Scopri il film:

Scrivi un commento...

Sull'autore

Arianna Prevedello

Scrittrice e consulente, opera come animatore culturale per Sale della Comunità circoli e associazioni in ambito educativo e pastorale. Esperta di comunicazione e formazione, ha lavorato per molti anni ai progetti di pastorale della comunicazione della diocesi di Padova e come programmista al Servizio Assistenza Sale. È stata vicepresidente Acec (Associazione Cattolica Esercenti Cinema) di cui è attualmente responsabile per l’area pastorale.