News Formazione

IL CINEMA TRA DIALOGO INTERRELIGIOSO E CITTADINANZA
Il 14 aprile un incontro online dedicato a educatori e studenti

All’interno dell’iniziativa FEDI IN GIOCO A SCUOLA, Acec propone il webinar “Il cinema, tra dialogo interreligioso e cittadinanza”, un momento di approfondimento e confronto sui temi del pluralismo religioso, dell’incontro tra persone di fedi e culture diverse, della convivenza sulla base di rispetto e conoscenza reciproci, e di come il cinema possa raccontarli.

L’incontro, in programma mercoledì 14 aprile alle ore 18.00, vedrà intorno allo stesso “tavolo virtuale” il teologo Brunetto Salvarani, il monaco Ignazio De Francesco, l’imam Hamdan Al Zerqi e il regista Vito Palmieri, autore del corto Il mondiale in piazza (tra i titoli proposti nella rassegna Acec dedicata alle scuole).

Gli ospiti, in dialogo tra loro e con i partecipanti al webinar, porteranno la propria riflessione, ciascuno dalla propria prospettiva, sulle caratteristiche di una società multiculturale come quella in cui viviamo, sui processi di integrazione e sui possibili punti di frizione tra persone che condividono gli stessi spazi pubblici appartenendo a religioni diverse, sulla definizione del concetto stesso di cittadinanza, considerandone la naturale evoluzione.

La partecipazione al webinar è gratuita e aperta a tutti (fino ad esaurimento dei posti disponibili), previa iscrizione online a questo link.


Brunetto Salvarani è teologo, saggista ed esperto di dialogo interreligioso. Ha scritto, tra gli altri, i libri: Vocabolario minimo del dialogo interreligioso. Per un’educazione all’incontro tra le fedi (EDB, Bologna 2003; seconda edizione aggiornata e accresciuta 2008); Il dialogo è finito? Ripensare la Chiesa nel tempo del pluralismo e del cristianesimo globale (EDB, Bologna 2011); Non possiamo non dirci ecumenici. Dalla frattura con Israele al futuro comune delle chiese cristiane (Gabrielli, Verona 2014); Un tempo per tacere e un tempo per parlare. Il dialogo come racconto di vita (Città Nuova, Roma 2016); Teologia per tempi incerti (Laterza, Roma-Bari 2018).

Ignazio de Francesco è monaco della Piccola Famiglia dell’Annunziata, la comunità fondata da Giuseppe Dossetti. Si occupa di letteratura cristiana antica in lingua siriaca e di fonti islamiche dell’epoca classica. Collabora con il Gruppo Islam dell’Ufficio nazionale ecumenismo e dialogo interreligioso-Cei . Nel 2013 ha conseguito il dottorato presso il Pontificio Istituto di Studi Arabi e d’Islamistica (PISAI) di Roma. La sua esperienza con i detenuti musulmani è alla base del testo Leila della tempesta (2016), opera che ha visto una trasposizione in pièce teatrale a cura di Alessandro Berti, ed è alla base dei documentari Dustur (Marco Santarelli, 2015) e Nel bene e nel male. Dio in carcere (Lorenzo K. Stanzani, 2019).

Hamdan Al Zeqri, imam, ex profugo yemenita arrivato ragazzino in Italia, è dottore in teologia cristiana (laureato presso facoltà teologica dell’Italia centrale), membro del direttivo UCOII e della comunità Islamica di Firenze e Toscana, responsabile del dialogo e della formazione interreligiosa, e guida spirituale nel carcere fiorentino di Sollicciano.

Vito Palmieri, regista, esordisce con il corto Tana libera tutti (2006), candidato ai David di Donatello. Firma, tra gli altri: il cortometraggio Matilde (2013), selezionato al Festival Internazionale del Cinema di Berlino e vincitore del Premio per il Miglior Corto al Toronto International Film Festival e del premio del pubblico al Biografilm 2016; See you in Texas (2015), film prodotto da Ascent film e RAI Cinema; Il Mondiale in Piazza, corto vincitore del premio MigrArti 2018, presentato lo stesso anno al Festival del Cinema di Venezia e vincitore di oltre cinquanta premi e selezioni in tutto il mondo, nonché della Cinquina ai Nastri d’Argento e ai Globi d’Oro 2019.

 

 

Scrivi un commento...

Sull'autore

Tiziana Vox

Tiziana Vox

Operatrice culturale, dal 2009 collabora con l’Acec, seguendone il sito internet e l’attività editoriale. Attualmente è responsabile della segreteria organizzativa Federgat, per cui cura anche la realizzazione del progetto I Teatri del Sacro.

Lascia un commento