Schede Cinema Cinema Filmcronache

LA TARTARUGA ROSSA (Michael Dudok de Wit)
Il ciclo della vita tradotto in poesia animata

LA TARTARUGA ROSSA

Un naufrago solitario e silenzioso su un’isola tropicale disabitata cerca di sopravvivere come può, finché non trova sulla battigia una grande tartaruga rossa. Sembra senza vita, l’uomo cerca di rianimarla e quando si riprende, l’animale gli regala una sorpresa straordinaria: la mutazione in una donna. Da quel momento la vita del naufrago si trasforma per sempre.

Dopo i premiatissimi corti The Monk and the Fish del 1996 e Father and Daughter del 2001, insignito anche da un Oscar, il belga Dudok de Wit si allea con lo Studio Ghibli su proposta di quest’ultimo per la produzione di un lungometraggio. E’ nella vicenda creativa di questo film, infatti, l’ammirazione espressa al giovane belga da parte di Isaho Takahata, storico partner del maestro Miyazaki con il quale ha co-fondato il prodigioso Studio Ghibli. Il motivo d’attrazione fra due universi solo in apparenza così lontani è – evidentemente – la straordinaria capacità poetica con cui Dudok de Wit riesce a raccontare le sue storie, qualunque sia il soggetto affrontato, e La tartaruga rossa non fa eccezione, se non per la durata “in lungo”. L’incontro fra l’essere umano e la grande tartaruga rossa (prima e post mutazione) si ammanta di uno struggimento di raffinatissima drammaturgia, sapientemente cosparsa da silenzi quanto mai eloquenti. E’ il dialogo proficuo fra le diversità naturali che interessa a de Wit, esattamente il linea con le tradizionali poetiche degli autori del blasonato Studio Ghibli. Spazio, tempo, sguardi, silenzi e musica si (con)fondono in emozioni palpabili e sincere, difficilmente traducibili in parole e perfettamente assemblate per la narrazione del ciclo vitale, da sempre e per sempre. Un’epica naturale e morale sul senso della vita di magnifica fattura, imperdibile per grandi e piccini.

 

LA TARTARUGA ROSSA
Regia: Michael Dudok de Wi
Francia/Belgio/Giappone
2016
Durata: 80′

Scrivi un commento...

Sull'autore

Anna Maria Pasetti

Anna Maria Pasetti Milanese, saggista, film programmer e critica cinematografica, collabora con Il Fatto Quotidiano e altre testate. Laureata in lingue con tesi in Semiotica del cinema all’Università Cattolica ha conseguito un MA in Film Studies al Birkbeck College (University of London). Dal 2013 al 2015 ha selezionato per la Settimana Internazionale della Critica di Venezia. Si occupa in particolare di “sguardi al femminile” e di cinema & cultura britannici per cui ha fondato l'associazione culturale Red Shoes. . Ha vinto il Premio Claudio G. Fava come Miglior Critico Cinematografico su quotidiani del 2020 nell’ambito del Festival Adelio Ferrero Cinema e Critica di Alessandria.