News Comunicati Stampa Approfondimenti

“OLTRE LA NOTTE” DIVENTA UNA RASSEGNA ONLINE
Dal 30 ottobre al 21 novembre 10 film sul tema della perdita e dell'elaborazione del tutto

Una rassegna streaming per parlare di perdita ed elaborazione del lutto attraverso il cinema. Questa la proposta Acec “Oltre la notte”, nata nei mesi immediatamente successivi al primo lockdown del 2020 come riflessione collettiva e multidisciplinare sulla morte, che il Coronavirus aveva messo al centro della vita di tutti, con le immagini dei reparti Covid riproposte a ogni telegiornale, la sfilata dei carrarmati per portare via salme a cui non si sarebbe potuto dire addio attraverso i tradizionali, necessari riti funebri, la sagoma di Papa Francesco solo, in una piazza San Pietro deserta, il primo venerdì santo in piena ondata pandemica.
Il progetto “Oltre la notte”, nella sua fase iniziale, ha visto la produzione di un corpus di approfondimenti curati da critici cinematografici, con la preziosa collaborazione dello psicanalista Vittorio Lingiardi: venti tra schede cinematografiche e video recensioni di film recenti, e quattro saggi su autori imprescindibili che hanno affrontato l’argomento della morte e del lutto in modo centrale nella propria filmografia (da Ingmar Bergman, a Pier Paolo Pasolini a Terrence Malick). Questo corpus di materiali critici e di approfondimento, a marzo 2021, ha trovato la via di una pubblicazione edita da Effatà.
Adesso, dal 30 ottobre al 21 novembre, “Oltre la notte” diventa una rassegna streaming: una ricca e varia proposta di titoli più e meno recenti che tematizzano la perdita e l’elaborazione del lutto attraverso il caleidoscopio cinematografico.
La rassegna, che sarà disponibile su Mymovies, proporrà la visione del pacchetto di film in catalogo accompagnata da momenti di riflessione e confronto, dove i partecipanti incontreranno in diversi webinar i registi, gli autori e i protagonisti delle storie raccontate dai film.
I film in abbonamento si presteranno a divenire una sorta di caleidoscopio attraverso cui guardare i molti temi legati al lutto: dal ruolo della fede nell’affrontare la morte all’importanza dei riti, dalla necessità di affrontare il dolore alla possibilità di condividerlo. Il cinema, quindi, come esperienza capace di parlare del presente e orientare alla speranza anche nei momenti più bui.
Una speranza che si fa impegno concreto per un auspicato “ritorno alla normalità”: sottoscrivendo un abbonamento alla rassegna, infatti, si riceverà un ingresso omaggio da spendere fino a fine anno in una delle Sale della Comunità d’Italia. Un simbolico incoraggiamento a tornare al cinema, per vivere di nuovo insieme le emozioni che solo il grande schermo sa regalare nel buio della sala.

 

Scrivi un commento...

Sull'autore

Tiziana Vox

Operatrice culturale, dal 2009 collabora con l’Acec, seguendone il sito internet, l’attività editoriale e i progetti. Dallo stesso anno è responsabile della segreteria organizzativa Federgat, per cui cura anche la realizzazione del progetto I Teatri del Sacro.

Lascia un commento