Festival Venezia 73 News

IL PIÙ GRANDE SOGNO (Michele Vannucci)

Un giovane regista e una storia vera, o quanto meno realistica, da raccontare, realtà e finzione si fondono: risalire la vita dal carcere, uscire dal giro dello spaccio di droga per aprire una associazione benefica, ricostruire i pezzi distrutti della propria famiglia, portare la narrazione di quanto fatto alla Mostra del Cinema di Venezia. Il grande sogno di Mirko – il protagonista che interpreta la sua vita vera, e di Michele – il giovane regista da pochi anni uscito dalla Scuola Sperimentale di Cinema, si realizza. Ad affiancare Mirko Frezza e il mondo vario e vero della periferia romana, attori professionisti di grandissima capacità come Alessandro Borghi (Non essere cattivo e Suburra). Roma e la sua difficile e complessa convivenza con la delinquenza, la politica e la bellezza, è nel cinema recente un luogo di racconto di storie, di film in cui i dialoghi sono al limite del comprensibile, ma quello che accade è chiaro, la vita si realizza, nasce e cresce anche nelle condizioni peggiori, che avvenga nei palazzi del centro o nel cemento delle periferie.

A 39 anni Mirko esce dal carcere, nella periferia di Roma lo aspetta un futuro incerto e nuovo che non pensava neppure di avere a disposizione: viene eletto presidente del comitato di quartiere. Questo lo sprona a lasciare “la piazza” e lo spaccio di droga e innesca il desiderio di ricostruire la propria famiglia e con essa tutta la borgata in cui vive. Mirko e il suo amico Boccione, i cosiddetti “delinquenti comuni” vogliono trasformare l’indifferenza del quartiere in solidarietà e le discariche abusive in un rigoglioso campo di pomodori. Storia di un sogno fragile e irrazionale, capace di regalare un futuro a chi non credeva di meritare neanche un presente, sospeso nell’inquieta attesa di un successo grandioso o di uno schianto improvviso e della fine di tutto.

Scrivi un commento...

Sull'autore

Simone Agnetti

Simone E. Agnetti, Brescia 1979, è Laureato con una tesi sul Cinema di Famiglia all’Università Cattolica di Brescia, è animatore culturale e organizzatore di eventi, collabora con ANCCI e ACEC, promuove iniziative artistiche, storiche, culturali e cinematografiche.