Venezia 77 News Schede Cinema Filmcronache

SPORTIN’ LIFE (Abel Ferrara)
Diario intimo di un grande regista

In occasione della consegna del Premio Jaeger-LeCoultre, Abel Ferrara, affezionato al Festival di Venezia, presenta Sportin’Life, che non è né un film di fiction né un documentario sulla pandemia come è stato scritto, ma è piuttosto un diario intimo di un periodo di tempo che va dal Festival di Berlino del febbraio scorso nel quale il regista ha presentato Siberia fino ad oggi con le proteste in America per l’assassinio di George Floyd.

In quanto diario procede in ordine apparentemente sparso registrando ciò che al regista interessa in un determinato momento. Si parte da una conversazione con l’onnipresente amico Willem Defoe sul cinema e sulle tecniche della narrazione di un documentario, si passa attraverso la Roma deserta durante il lockdown, si ricordano frammenti di film passati, si sente parlare Trump e Bolsonaro, si vedono file di morti, fino all’America che sembra esplodere per le proteste degli afroamericani. A legare tutto c’è la musica, molta musica, suonata dalla band di Ferrara stesso nei locali, a volte con Defoe, a volte con la moglie. Ci sono le canzoni ruvide urlate con voce rauca a dare forma a un abisso che anche in occasioni così piccole e intime Ferrara non smette di fissare.

È difficile definire altrimenti questo film, il regista stesso lo spiega: procede senza rotta, senza mappa, raccoglie frammenti sparsi, e poi li assembla con tutto il mestiere maturato negli anni. È un documentario senza tema, ma proprio per questo risulta molto più sincero anche quando sfiora o tocca le tragedie del mondo rispetto a molte furbe operazioni commerciali su argomenti simili. È un film caldo, semplice, ma pieno di umanità in cui Ferrara mette a nudo la propria famiglia, le proprie amicizie, senza esibizionismo. È quasi un atto di riconoscenza verso lo stare insieme, fare un cammino comune, in un’epoca, come si sottolinea nel film, in cui si combattono battaglie comuni a tutta l’umanità.

SPORTIN’ LIFE
Regia: Abel Ferrara
Durata: 65’
Paesi: Francia
Interpreti: Willem Dafoe, Cristina Chiriac, Anna Ferrara, Paul Hipp, Joe Delia

Scrivi un commento...

Sull'autore

Avatar

Alessandro Cinquegrani