Venezia 77 Schede Cinema News Filmcronache

THE WASTELAND (Ahmad Bahrami)
Un omaggio al mondo delle fabbriche

Allievo di Abbas Kiarostami il regista iraniano Ahmad Bahrami presenta in Orizzonti la sua seconda opera, girata in bianco e nero e con un forte richiamo al cinema del maestro e alla scuola europea del realismo. The Wasteland è un film che non convince, dal risultato acerbo. Siamo in un mattonificio in una località remota dell’Iran in cui sono prodotti mattoni in modo artigianale, il mercato è ora rivolto al cemento. Famiglie di etnie diverse, kurdi e persiani, lavorano nella fabbrica e il capo promette loro di essere in grado di risolvere qualsiasi problema. Lotfollah, quarantenne responsabile della struttura, nato proprio nella fabbrica, funge da tramite tra operai e padrone. Quando il capo annuncia che la fabbrica chiuderà, Lotfollah si premura di proteggere Sarvar, la donna di cui è da tempo innamorato che è l’amante del capo. Il film zoppica perchè il disvelamento delle storie delle famiglie degli operai avviene secondo un meccanismo che a lungo andare stanca: il regista ripropone sempre la stessa sequenza – il momento dell’annuncio della chiusura – presa da diversi punti di vista, ad ogni passaggio si aggiunge una frase e così finchè tutto il discorso del capo è completo. Come spesso capita in questi meccanismi di scrittura, quello che sulla carta era una buona idea e a teatro, in qualche modo, avrebbe potuto funzionare, visto al cinema non rende. Invece di portare lo spettatore a compatire la sorte dei personaggi il meccanismo reiterato annoia. Bahrami ci mostra un luogo fortemente suggestivo, con classici movimenti di carrello e inquadrature pulite, giocando spesso con la luce e i chiaroscuri che la grande fornace di mattoni offre. La povera condizione sociale dei lavoratori senza pensione, senza stipendio e senza aiuti pubblici è delineata con chiarezza e senza mezzi termini, The Wasteland è un omaggio del regista al mondo delle fabbriche in cui suo padre lavorò tutta la vita.

THE WASTELAND (TERRA DESOLATA)
Titolo originale: DASHTE KHAMOUSH
Regia: Ahmad Bahrami
Durata: 102’
Paesi: Iran
Interpreti: Ali Bagheri, Farrokh Nemati, Majid Farhang, Mahdieh Nassaj, Touraj Alvand

Scrivi un commento...

Sull'autore

Simone Agnetti

Simone E. Agnetti, Brescia 1979, è Laureato con una tesi sul Cinema di Famiglia all’Università Cattolica di Brescia, è animatore culturale e organizzatore di eventi, collabora con ANCCI e ACEC, promuove iniziative artistiche, storiche, culturali e cinematografiche.